ASLA Diritto al Futuro Intervista a Paola Parigi

Paola Parigi, consulente di strategia e marketing legale, è stata panelist della tavola rotonda sulla Governance degli studi legali e ha parlato di cooperativa e di nuove forme di aggregazione.

Qui una sintesi dell’intervento nell’intervista di ANF TV

Durante l’evento dell’anno sulla professione legale, organizzato da ASLA Associazione studi legali associati, «Diritto al Futuro», Paola Parigi è stata intervistata da ANF TV insieme all’avv. Roberto Fiore, partner di LP Avvocati di Roma, terzo studio in Italia a costituirsi nella forma cooperativa.

L’evento, che è stato decisamente il più importante dell’anno nel suo genere, ha coperto tutti gli ambiti della comunicazione e del marketing legale come chiave dello sviluppo personale e professionale degli avvocati, che si pongono come sfide e opportunità per il professionista di oggi e soprattutto per quello di domani.

«The next generation of lawyer» è infatti il sottotitolo scelto dall’organizzazione, che sintetizza con chiarezza a chi fosse rivolto l’evento.

I numerosi partecipanti (oltre 2000), hanno potuto ascoltare, tra gli altri, keynote speaker del calibro di Richard Susskind, Tara Gandhi, Kathleen Kennedy, Gianrico Carofiglio e confrontarsi nelle numerose tavole rotonde con campioni sportivi, avvocati famosi e persino il robot IBM Pepper.

L’intervento di Paola Parigi ha illustrato come, dal suo osservatorio di consulente nella strategia e nel marketing legale, la scelta della forma giuridica sia significativa per il successo dello studio, soprattutto in considerazione del commitment dei professionisti e della possibilità concreta di contribuire allo sviluppo comune.

La cooperativa in questo senso corrisponde alla partnership anglosassone poiché consente graduazioni di responsabilità, deleghe e retribuzione, nell’ambito però di uno scopo mutualistico e paritario comune ai soci.

Dal 2017 sono nate tre cooperative tra avvocati in Italia, Polis Avvocati (Bari), Libra Avvocati (Taranto), LP Avvocati (Roma), con caratteristiche molto diverse, ma tutte frutto di una comune scelta di condivisione della finalità dello studio.